Ambasciata della Repubblica di Moldova nella Repubblica Italiana

Economia

La Repubblica di Moldova si trova nel periodo di transizione verso un'economia di mercato. Le riforme promosse nel corso degli ultimi anni hanno portato al raggiungimento di risultati positivi quali: la creazione di un economia bi-settoriale, la partecipazione del settore privato il quale contribuisce alla formazione del PIL con più di 70%; la liberalizzazione dei prezzi, la creazione di strutture per un mercato praticabile (banche commerciali, borse, zone economiche libere, ecc).

Le riforme economiche nella Repubblica di Moldova hanno l’avallo delle organizzazioni economico-finanziarie internazionali. Dal quando, nel 1992 la Repubblica di Moldova aderì al Fondo Monetario Internazionale (FMI) alla Banca mondiale e alla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), ha beneficiato di vari investimenti da parte di strutture finanziarie - bancarie internazionali e da parte di alcuni paesi quali Romania, Russia, Stati Uniti, Germania, Giappone ed altre.

La Repubblica di Moldova é un paese agricolo - industriale. L'agricoltura e l'industria al 37% contribuiscono alla formazione del PIL che nel 2003 é stato pari a 10.134 milioni lei. In agricoltura é occupato il 50,8% della popolazione attiva del paese.

L’industria é impegnata principalmente nella trasformazione delle materie agricole ma anche nel campo dell’industria (leggera, chimica, lavorazione del legno, costruzione dei macchinari ed attrezzature).

Le maggiori importazioni della Repubblica di Moldova sono gas naturale, prodotti petroliferi, mezzi di trasporto e attrezzature.

La Moldova importa la maggior parte delle sue risorse energetiche. Attualmente nella Repubblica è in atto il processo di decentramento e la privatizzazione del comparto energetico.

Attualmente gli agenti economici sono così ripartiti: